Vi riporto con piacere un articolo dall’Avvocatessa Simona Cappelletti, che si occupa di diritto civile e amministrativo, di cui vi lascio informazioni a fine pagina. Da tale collaborazione riprendiamo la tematica della Mediazione Familiare con un approfondimento dal punto di vista giuridico. L’esperta ci aiuterà appunto a comprendere, dal punto di vista legale, l’importanza della mediazione familiare, in funzione della riorganizzazione delle relazioni familiari e della conservazione della responsabilità genitoriale.

 


 

La Mediazione Familiare: la riorganizzazione delle relazioni familiari e la conservazione della responsabilità genitoriale

L’istituto della mediazione familiare è stato introdotto, contestualmente all’istituzione del regime dell’affido condiviso, con la Legge 54/2006 quale strumento di cui può avvalersi il giudice per la risoluzione delle controversie familiari (sia sul piano meramente affettivo che su quello economico).

104

L’istituto della mediazione familiare può essere utilizzato sia precedentemente all’instaurazione della separazione o del divorzio ovvero durante il giudizio, con la peculiare finalità di tentare di addivenire ad un accordo tra i coniugi anche e soprattutto al fine di tutelare i figli minori.

Nello specifico, prima dell’introduzione del giudizio di separazione ovvero di divorzio, l’esperimento della mediazione familiare può consentire di addivenire ad un accordo che permetta ai coniugi di separarsi o divorziare in maniera consensuale.

Nel corso di un giudizio di separazione o divorzio giudiziale, la mediazione familiare può agevolare la conclusione di un accordo che permetta la trasformazione del giudizio da giudiziale in consensuale.

L’istituto trova applicazione anche alle coppie conviventi in un’ottica per l’appunto di tutela della responsabilità genitoriale.

mediazione-familiare-pedagogia-reggio-emilia

Contrariamente a quanto avviene in un giudizio ove il giudice statuisce sugli aspetti prettamente giuridici (quali, a titolo esemplificativo, assegnazione della casa coniugale, affidamento dei minori e modalità di permanenza di quest’ultimi presso ciascun genitore, entità dell’assegno di mantenimento in favore del coniuge e dei figli minori), la mediazione familiare offre la possibilità di intraprendere, con il supporto di professionisti qualificati, un percorso con il quale i coniugi possono affrontare e superare non solo gli aspetti squisitamente giuridici, ma anche quelli prettamente psicologici e relazionali della coppia (elaborazione della separazione, comunicazione tra i coniugi) al fine di pervenire ad un accordo che possa ritenersi efficace anche per quanto attiene alla crescita e sviluppo dei figli minori.

 

Avv. Simona Cappelletti

Studio Zona Eur – Axa

 Cell. 347/0566284

e – mail: avvsimonacappelletti@gmail.com

http://www.facebook.com/dirittocivileamministrativo

Per approfondire la mediazione familiare da un punto di vista psicologico leggi anche: Tutelare i propri figli con la mediazione familiare.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: